Annunci online



27 novembre 2007
Morituri te salutant

di Esse Emme 


  nuovi gladiatori fremono, controllano che tutte le loro armi siano a posto. C’è chi lancia scongiuri in un angolo, un altro fa scrocchiare le dita, pronto a colpire. Fra poco si getteranno nell’arena. Ne resterà soltanto uno… in linea.

GLADIATORI VIRTUALI – Spopolano nella rete una serie di giochi nelle quali gruppi di persone si sfidano a colpi di mouse. Si chiamo Fps, acronimo per first person shooter, sparatutto dalla visuale in prima persona. Intrappolati in labirinti e sotterranei, armati fino ai denti di ogni tipo di arma, si cercano l’un l’altro per uccidersi. A volte si formano brevi e tacite alleanze, che durano però il tempo di un’uccisione, poi si è di nuovo tutti contro tutti. Uno spettacolo tecnologico che è diventato un affare. Questi giocatori sono i gladiatori del nuovo millennio.

SCOMMESSE REALI SU MORTI VIRTUALI – Il meccanismo è semplice. Ci sono due opzioni di gioco. La prima è scommettere su un evento e stare a guardare, come un uomo libero al Colosseo il giorno di festa. Si contatta l’allibratore on line e si scommette su questo o quel gladiatore. Poi si aspetta di vedere come va a finire. Ovviamente dopo un po’ si iniziano a conoscere i giocatori, quelli che si prendono a mazzate, per cui lo scommettitore saprà come muoversi, e regolarsi anche sulle quote che il sito offre. Il secondo metodo è invece scommettere su se stessi. Si mette una quota, e alla fine del torneo chi è restato più invita intasca il premio. Un primo sito, che come sottolinea il Guardian in questo articolo, è ora chiuso è Tournament. Prevalentemente su questa piattaforma si giocavano quelli che sono i più noti e usati giochi in vendita. Attirava molta gente, e anche molti soldi. Per cui sembrerebbe abbia attirato anche molti giocatori che non solo disponevano di computer professionali per essere i più veloci e fluidi nel gioco (l’hardware in queste simulazioni di guerra conta molto nelle capacità poi di far rispondere il personaggio ai nostri movimenti senza attese che potrebbero essere fatali), ma anche coloro che si aiutavano con software che li rendevano più potenti. Insomma giocatori che al di fuori di questo strano mondo fatto di pixel e mouse e tastiere, definiremmo dopati.

COME CANNAVARO E ARMSTRONG – Quando girano soldi e interessi le accuse di doping vere o presunte non si fanno attendere. Il cheating è molto combattuto proprio perché genera disparità non tanto basate sulle capacità del giocatore (e la sua possibilità di avere dei computer super potenti), ma i controlli e le contromisure arrivano sempre un passo dopo l’invenzione di un nuovo trucco. Esattamente come nella vita reale. Una soluzione credono di averla trovata quelli di Kwari. Si sono creati il loro labirinto, le loro armi e le loro regole. Fino a quando un haker – un pirata informatico – non ruberà il codice sorgente per poi analizzarlo e creare dei cheat, nessuno di quelli esistenti e quelli che vengono programmati sui soliti giochi da “torneo” non potranno funzionare. Il progetto è ancora in beta, ovvero in fase sperimentale, e per non rischiare troppo (e finire insolventi come quelli di Tournament), alla Kwari hanno deciso di tenere basse le puntate.

IN ATTESA DEI VERI CONCORRENTI – In ogni caso Kwari e Tournament non sono che piccole e pionieristiche realtà che stanno sondando un terreno potenzialmente fertilissimo. Possiamo solo immaginare se la Microsoft o una grande società di giochi per computer decidesse di fare un salto del genere. Sarebbe come passare dall’anfiteatro della più remota provincia imperiale al grande Colosseo della Capitale. Per il momento la Blizzard, con il suo World of Warcraft, si contenta di alcuni milioni di euro l’anno in sottoscrizioni. Ma potrebbe non bastare più. Fra quanto avremo dei gladiatori professionisti che si sfideranno nelle arene della rete?

Vota questa notizia




post<li>
avviso: a causa dei soliti problemi della piattaforma "Il cannocchiale"
il counter dei commenti potrebbe non essere aggiornato



26 novembre 2007
La mattanza dimenticata

di Esse Emme 


l Centro Europeo per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ha pubblicato, sul suo sito, il nuovo rapporto sulla diffusione del virus HIV. E i dati non sono per nulla confortanti. Secondo lo studio nel 2006 la proporzione di nuovi casi accertati per un milione di abitanti è salito da 28,8 a  57,5.

IL PERICOLO SOFFIA DA EST – Solo in Estonia ci sono stati 668 nuovi casi nel 2006,  504 per ogni milione di abitanti. Considerando che in questo piccolo paese, una delle tre repubbliche baltiche ora annesse all’Unione Europea, ha soltanto un milione e trecentomila abitanti, il numero assume un valore ancora più impressionante. Come l’Estonia, Ucraina, Federazione Russa e Portogallo sono i paesi in cui si sono registrati più di 200 casi per ogni milione di abitanti.  Il governo estone, che sta preparando un piano di nove anni per cercare di combattere questa pandemia, ha fatto sapere che se nel 2001 il 90% dei nuovi casi riguardavano l’uso di droghe, questa percentuale nel 2006 era crollata al 50%. Detto fuori dai numeri, il virus si sta diffondendo da chi fa uso di droghe a persone sane attraverso i rapporti sessuali.

E’ SEMPRE COLPA DEI CULATTONI – Certo, ci piacerebbe pensarlo. E’ stata la scusa principale in tutti questi anni. E’ la malattia dei gay, io che mi scopo al massimo qualcuna con il seno rifatto sono al riparo da questo genere di malattia. Cazzate, ovviamente. Più della metà delle nuove infezioni avvengono nei rapporti sessuali tra etero, la restante metà della torta se la dividono i rapporti omosessuali e l’uso di siringhe infette, quest’ultimo caso in vantaggio sul primo.

SOTTOSTIMARE IL PERICOLO – Nei paesi membri dell’UE la media è di 67 nuovi casi l’anno per ogni milione di abitanti, un numero che andato raddoppiando dal 1999. Questo peggioramento della situazione non è solo frutto dell’ingresso di nuovi paesi a rischio dell’Est Europa, ma da una generale idea di essere fuori pericolo. Secondo il direttore del Centro Europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, circa un terzo degli europei infetti dal virus dell’Hiv sono ignari di aver contratto la malattia. Il pericolo è che continuino a diffondere il virus in rapporti sessuali non protetti.

DIO SALVI LA REGINA DALL’AIDS – Pochi giorni prima che fosse pubblicato il rapporto, nel quale viene sottolineato come il Regno Unito sia il primo paese dell’Europa Occidentale per numero di casi di AIDS la regina era in visita di Stato in Uganda. Come Lady Diana prima di lei ha stretto la mano di un paziente infetto dall’Hiv. Ma se per la principessa consorte del Galles il caso – in anni in cui l’ignoranza sul virus era tale che si credeva che il solo contatto fosse sufficiente per contrarre il virus – diventò un caso e un esempio che smosse le coscienze, per la regina Elisabetta il fatto non ha creato lo stesso rumore. Ma rimane un gesto molto apprezzato.

E L’ITALIA? – Una barra vuota per l’Italia nel rapporto. Il nostro Sistema Sanitario Nazionale non si preoccupa di raccogliere questo tipo di dati. Evidentemente preferiamo chiudere gli occhi e non pensarci. Qualcuno si consolerà pensando che non siamo soli in questa mancanza. Anche la Spagna di Zapatero non dispone di ricerche su base nazionale sui casi. Visto che inseguiamo i modelli elettorali tedeschi e spagnoli – gli unici due paesi del mondo occidentale che usano il sistema proporzionale durante le elezioni – potremmo pur sempre dire che ci stiamo ispirando – in questo chiudere gli occhi a una realtà così difficile, ad un grande paese democratico.


Vota questa notizia




Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. italia aids contagio

permalink | inviato da giornalettismo il 26/11/2007 alle 11:48 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (23) | Versione per la stampa

post<li>
avviso: a causa dei soliti problemi della piattaforma "Il cannocchiale"
il counter dei commenti potrebbe non essere aggiornato



17 novembre 2007
L'Italia e la Tratta degli esseri umani

di Esse Emme 


“Tutti gli Stati che combattono risolutamente il traffico di esseri umani troveranno negli Stati Uniti d’America un alleato. Insieme continueremo ad affermare che nessuna vita umana può essere svalutata o ignorata. Insieme ridurremo a zero la reificazione dei nostri fratelli, siano essi uomini o donne. E insieme costruiremo un mondo più speranzoso, un mondo dove le persone possano godere totalmente della libertà che ci è stata donata da Dio”. Con queste parole il segretario di Stato americano, Condoleeza Rice, ha presentato in una conferenza stampa molto gremita – a parte ovviamente i giornalisti italiani –  il “Rapporto sulla Tratta degli Esseri Umani” del 2007, che porta la sua firma. Sono stati analizzati praticamente tutti i paesi del mondo, incrociando i dati delle forze di polizia e dei giudici locali con quelli dell’intelligence.

CERCHIAMO UN PO' QUEL PAESE A FORMA DI STIVALE -
Ovviamente, c’è un capitolo sull’Italia. Più precisamente sulla tratta di prostitute tra l’Ucraina e l’Italia. La premessa è piuttosto scontata: le donne ucraine vengono attratte in Italia principalmente con la
promessa di un lavoro stabile, per essere poi ridotte in schiavitù e costrette a prostituirsi con la forza della violenza. Non ci voleva la C.I.A. per saperlo. La storia raccolta nel rapporto – però – è piuttosto esemplare e ci dice di più sul sistema che regola la prostituzione in Italia: Mara, una ragazza trentenne ha lasciato suo marito e due figli in Ucraina con la promessa di un lavoro come badante in Italia. […] Per nove mesi Mara era sfruttata dai suoi aguzzini, che la picchiavano ogni volta che avesse rifiutato un cliente. Se un uomo si fosse lamentato delle sue prestazioni, il suo protettore le avrebbe aumentato il debito che aveva nei suoi confronti. Mara fu liberata solo dopo una perquisizione della polizia italiana nel bordello, ed è stata espulsa in Ucraina per il reato di prostituzione.” Ovvero, lo Stato italiano non trova di meglio da fare per proteggere le prostitute straniere che espellerle. Non importa se in patria la loro incolumità possa essere a rischio da parte della “sezione Ucrainadei trafficanti di esseri umani. Un fatto che non è sfuggito ai redattori del rapporto, che invitano l’Italia a non trattare le prostitute come persone che commettono un reato, ma come persone che subiscono il reato.

SI PUO' FARE DI PEGGIO?
-
Un dato mi ha particolarmente colpito. Secondo il rapporto, in Italia, il 7-10 per cento della tratta degli esseri umani è composto da bambini. “C’è stato un aumento del traffico di minori dalla Romania, effetto collaterale della chiusura degli orfanotrofi Rumeni. In aumento sono anche i bambini rumeni giunti in Italia e costretti all’accattonaggio. Uomini dalla Polonia e dalla Repubblica Popolare del Congo sono ridotti in schiavitù nelle campagne italiane”, come nuovi servi della gleba. Il resto è una disamina degli investimenti e dei risultati ottenuti: Nel 2006 sono stati spesi 4,3 milioni di euro per assistenza alle vittime di tratta, principalmente attraverso il finanziamento di 77 progetti di organizzazioni non governative. Inoltre sono stati effettuati 340 corsi di formazione per
altrettante vittime, e assistenza all’impiego per 1189. Sessantanove persone sono state rimpatriate in un progetto di reintegrazione, e a 927 sono stati assegnati dei permessi di soggiorno temporanei.

COME NEL SERIAL TV PIU' AMATO DAGLI AMERICANI - Nel rapporto però non c’è solo spazio per le vittime. Un angolo di speranza viene lasciato nella sezione “eroi”. Anche l’Italia ne può vantare uno: è la nigeriana Esohe Aghatise, fondatrice e direttrice dell’associazione non governativa Iroko. Questa Ong piemontese assiste le vittime di prostituzione, garantendo loro non solo una casa e l’assistenza per gli eventuali figli, ma anche l’aiuto di un legale. La Iroko funge anche da agenzia di lavoro. Un nuovo progetto, partito nel 2006, cerca di sensibilizzare gli studenti delle scuole superiori cercando di dissuadere i ragazzi dall’andare con le prostitute.

Vota questa notizia




post<li>
avviso: a causa dei soliti problemi della piattaforma "Il cannocchiale"
il counter dei commenti potrebbe non essere aggiornato






1 visite totali





Post per autori:
Gregorj
Loska
Ag
Dinophis
Ricchiuti
Cagnaccio
Esse Emme
Kuros
Galatea
Cristian Corrini
Prostata
Aioros
Merchesa
Marblestone
Gregorj & Loska
Gregorj & Ag

Avvertenza:

Leggere questo blog almeno
in parte, prima di petare nei
commenti, grazie!












Links

Le nostre pillole
Eio
Stampa rassegnata
Watergate
La voce del padrone (boh...)
PersonalitàConfusa
Il blog di Lia Celi
Daw
Makia
Comicomix
Nome del Blog!
Bolina
Calibano
Pensatoio
Tittyna
Noantri
Sw4n, quello vero
Virtualblog






Powered by FeedBlitz

Blog authority

View blog reactions

Technorati Profile

Add to Technorati Favorites



 [valid rss]

  
 
 BlogItalia.it - La directory italiana dei

     blog
 Antipixel di SocialDust Blog

     Aggregator
 Politics Blog Top Sites

 
 Subscribe in NewsGator Online
 Add to Google


MacchianerAward 2006: Nomination




Creative Commons License



 
[Sfoglia l'archivio - Novembre]
settembre