Annunci online



1 ottobre 2007
Mors tua...

di Loska 


n po' di mesi fa, l'addetta di una di quelle società di vendita a domicilio è venuta in possesso di un mio recapito telefonico. E' riuscita a farmi capitolare alla trecentomillesima telefonata, dopo la quale - stremata - ho accettato. D'altronde ogni contatto andato a buon fine è solitamente un plus nella busta paga dei precari che spesso e volentieri affollano le aziende di questo tipo di mercato, ed ecco spiegato il clamoroso pressing. Non dimentichiamoci che - testimonianza udita personalmente su un treno - qui in Italia alcuni lavorano accettando di essere pagati meno di quanto ci sia scritto nella busta paga (800 euro contro 1200 dichiarati).

LA DIMOSTRAZIONE - Il giorno prefissato arriva una prima ragazza. "Ciao senti, io ho detto sì per farvi un piacere ma non ho intenzione di comprare niente, te lo dico subito". Mi guarda un po' pensierosa: "Sei la seconda persona che dice così oggi. Io lavoro qui da poco, ora sale la collega più 'anziana'. Ma anche a te han chiamato a casa mille volte?" "Sì". Borbotta contrariata mentre scende per aiutare la collega a portare su il macchinario. Dopo 5 minuti risalgono entrambe con 50 chili di aspirapolvere. "Quindi anche tu sei stata 'importunata' dal call center?" mi dice l'altra, più esperta, anche se definirla anziana è un eufemismo: ha 26 anni, a dir tanto. La prima, straniera, forse
qualcosa meno. Annuisco, e spiego di aver accettato perchè in fondo mezzora per me è nulla, se un contatto vale loro qualcosa in busta paga per me non c'è problema. "Eh si, anche se tu sei una studentessa e il macchinario costa di base 4000 euro..." Si fermano da me una mezzora, offro loro il caffè e parliamo. "Non dovrebbero nemmeno prenderli i contatti degli studenti, il XXXXX lo vendiamo a rate, tu come faresti a comprarlo?" "Beh capita in questi lavori di contattare anche gente evidentemente non interessata, una volta una mia amica chiedeva per corsi di computer ai suoi vicini di casa novantenni..." "Infatti...e poi da noi se presenti una lista di almeno 50 contatti ti pagano. Tu non ne hai qualcuno, a proposito?" "Ehr no, solo studenti".

LAVORO - "Ma si guadagna bene?" "Solo se vendi o porti contatti". Dopo un po' devono chiamare in ditta, per confermare che sono andate davvero a fare la dimostrazione. La prova è far parlare il cliente con il direttore, che gli farà un'offerta economica e valuterà il suo usato. Lei dice qualche parola al direttore e poi me lo passa, visibilmente agitata. "Buongiorno signorina blabla, le offro uno sconto del 50% e il ritiro dell'usato, le verrà a costare solo tot!" "Mi scusi, sa, ma non posso permettermelo, sono appena stata licenziata", rispondo. Pare crederci. Gli ripasso la sua addetta, a cui dice, secco: "se ha il conto corrente, vendiglielo lo stesso". Lei si complimenta per la mia faccia tosta, e prima di salutarmi mi racconta un po' com'è lavorare così: guardarsi intorno per capire subito il cliente, sparare un prezzo alto per dar valore allo sconto proposto dal d
irettore. "Ma tu guadagni abbastanza da porterti permettere di programmare un futuro?" "No." "Quindi comunque sei spinta a vendere e contattare il più possibile gente, per aumentarti lo stipendio""Sì, penso sia per quello che hanno accettato il tuo contatto, tanto alla centralinista importa solo fissare l'appuntamento...poi sono fatti nostri". Insomma, non si lavora "a progetto", ma semplicemente per portarsi a casa la pagnotta, anche a discapito del sistema dal quale si fa parte. Anzi, fomentati dal sistema stesso. Per non parlare della sorte del consumatore in tutto questo: "La macchina del caffè è in comodato d'uso, e devi acquistare le cialde da noi" mi dice "l'anziana" sorridendo amara. Sta per salutarmi, ci pensa un po' e conclude "Una volta sono capitata da una signora. Mi sono 'guardata attorno' come dicono di fare. Era poverissima, non aveva nemmeno i soldi per pagarsi il dentista. Forse per mangiare. Mi sono resa conto che parlandole un po', le avrei venduto il prodotto di sicuro, a rate" "E che hai fatto?"
"Non me la sono sentita".


Vota questa notizia




post<li>
avviso: a causa dei soliti problemi della piattaforma "Il cannocchiale"
il counter dei commenti potrebbe non essere aggiornato






1 visite totali





Post per autori:
Gregorj
Loska
Ag
Dinophis
Ricchiuti
Cagnaccio
Esse Emme
Kuros
Galatea
Cristian Corrini
Prostata
Aioros
Merchesa
Marblestone
Gregorj & Loska
Gregorj & Ag

Avvertenza:

Leggere questo blog almeno
in parte, prima di petare nei
commenti, grazie!












Links

Le nostre pillole
Eio
Stampa rassegnata
Watergate
La voce del padrone (boh...)
PersonalitàConfusa
Il blog di Lia Celi
Daw
Makia
Comicomix
Nome del Blog!
Bolina
Calibano
Pensatoio
Tittyna
Noantri
Sw4n, quello vero
Virtualblog






Powered by FeedBlitz

Blog authority

View blog reactions

Technorati Profile

Add to Technorati Favorites



 [valid rss]

  
 
 BlogItalia.it - La directory italiana dei

     blog
 Antipixel di SocialDust Blog

     Aggregator
 Politics Blog Top Sites

 
 Subscribe in NewsGator Online
 Add to Google


MacchianerAward 2006: Nomination




Creative Commons License



 
[Sfoglia l'archivio - Novembre]
settembre        novembre